Gestione dello spazio

  • Definizione della struttura di stoccaggio in uno spazio tridimensionale.
  • Possibilità di creare più controlli nel processo di assegnazione automatica dei luoghi.
  • Una maggiore libertà di definire regole di allocazione e estrazione dei contenitori.
  • Totale libertà nella definizione delle sequenze di esecuzione.
  • Possibilità di utilizzare diverse sequenze di esecuzione per clienti diversi.
  • Utilizzazione del concetto di prossimità fra le diverse strutture di stoccaggio.
  • Definizione di vari tipi di contenitore a seconda della natura del prodotto e la sua movimentazione.
  • Possibilità di definire a livello di articolo, vari e distinti contenitori per operazioni di ricevimento, prelievo e consegna.
  • Utilizzo di codici brevi di controllo (impostazione casuale) per confermare la movimentazione ed eliminare gli errori.
  • Possibilità di utilizzare posizioni alternative di un articolo per un periodo di tempo, risolvendo picchi di elevata movimentazione.
  • Definizione di criteri di gestione dello spazio per ottimizzare processi senza stock.